Rush finale per le coppe europee

Pubblicato il 11 Dic 2018

Slide

Lo spettacolo di Barcellona-Tottenham e Liverpool-Napoli è la copertina dell’ultimo turno di Champions. Dodici squadre già qualificate, sette in corsa per gli ultimi quattro posti disponibili per gli ottavi. La Champions vive le ultime 48 ore della fase a gironi con alcuni verdetti ancora da scrivere: ci sono cinque posti per la retrocessione agrodolce all’Europa League. Juve e Roma sono già qualificate, ma i bianconeri possono passare da primi se battono lo Young Boys.

Più complicato – riporta l’Ansa –  il cammino di Napoli e Inter: i partenopei per qualificarsi non devono perdere a Liverpool (visto che il Psg dovrebbe vincere con la Stella Rossa), i nerazzurri devono superare il Psv e sperare il Barcellona non perda col Tottenham. Scontri diretti delicati sono Ajax-Bayern per stabilire il primo posto, e Shakhtar-Lione per decretare chi si qualificherà come seconda alle spalle del Manchester City. Delle 29 squadre impegnate nel weekend (ferme le tre francesi per motivi di ordine pubblico) hanno vinto in 23: hanno perso Manchester City e Bruges, hanno pareggiato Galatasaray, Roma, Hoffenheim e Valencia.

Sesto turno anche in Europa League: 13 squadre qualificate (c’è la Lazio), 12 già eliminate. In 23 giovedì si giocano gli ultimi 11 posti disponibili per i 16/i di finale. Il Milan è in trasferta, a casa dell’Olympiacos (superato 3-1 all’andata). Per qualificarsi può anche perdere 1-0. La Lazio chiude ospitando il vincitore del girone, l’Eintracht Francoforte.
– Champions

-Girone A:
Atletico e Dortmund già qualificati, ma gli spagnoli (+2 punti) restano primi se fanno almeno lo stesso risultati dei tedeschi, che sono più in forma, quindi cercheranno di vincere a Bruges.

– Girone B:
Messi è in grande spolvero (due gol, un assist e un palo sabato nel derby) per cui il Tottenham non può sperare di trovare al Nou Camp avversari dimessi perché già qualificati. I londinesi per passare devono fare lo stesso risultato dell’Inter che difficilmente farà harakiri col Psv.

– Girone C:
la tripletta di Salah e la passeggiata col Frosinone preparano un Liverpool-Napoli da brividi. L’esperienza di Ancelotti farà da cuscinetto alle emozioni di una gara così delicata per la quale gli italiani hanno a disposizione due risultati su tre. Meglio infatti non fidarsi del Psg che non dovrebbe fallire i tre punti a Belgrado.

– Girone D:
giochi già fatti con Porto e Schalke agli ottavi. Il Galatasaray, che ospita il Porto, deve mantenere il punto di vantaggio sul Lokomotiv per blindare il terzo posto.

– Girone E:
riflettori sulla classica sfida Ajax-Bayern con i tedeschi, che sembrano avere archiviato la crisi con i gol di Lewandowski, che hanno a disposizione due risultati su tre.

– Girone F:
al Manchester City, che ha subito la prima sconfitta in Premier sabato col Chelsea, basta un punto con l’Hoffenheim per certificare il primo posto, mentre per il secondo ci sarà battaglia. Lo Shakhtar ospita il Lione che può scavalcare in caso di vittoria. In caso di sconfitta e di un’improbabile vittoria dei tedeschi, i francesi perderebbero anche il terzo posto.

– Girone G:
Real primo e la Roma in crisi seconda, quindi è in palio solo il terzo posto. Il Plzen per mantenerlo deve fare lo stesso risultato del Cska, che gioca al Bernabeu, essendo in vantaggio negli scontri diretti.

– Girone H:
se il Manchester United di Mourinho vince a Valencia, alla Juventus serve il successo con lo Young Boys per assicurarsi il primo posto. Vista la devastante forma dei bianconeri, sembra solo una formalità.

In Europa League, oltre a Olympiacos-Milan, meritano attenzione le sfide del gruppo G e I Rapid-Rangers e Villarreal-Spartak, Genk-Sarpsborg e Besiktas-Malmoe con tutte le squadre ancora in ballo. Interessanti anche Siviglia-Krasnodar, Rennes-Astana e Celtic-Salisburgo.

enada

Post correlati