Giochi: nel 2019 11 miliardi di euro all’Erario

Pubblicato il 1 Gen 2020

Slide

Il settore del gioco pubblico, al centro di numerosi interventi nell’ultima manovra di Bilancio, anche quest’anno garantirà un importante contributo alle casse erariali. Secondo elaborazioni Agimeg su dati del Ministero delle Finanze, lo Stato incasserà da giochi, scommesse e lotterie circa 11 miliardi di euro (contro i 10,3 miliardi del 2018), una cifra che rappresenta oltre il 55% della spesa effettiva degli italiani per tentare la fortuna. Le giocate al netto delle vincite pagate nel 2019, si attesteranno infatti a circa 19,9 miliardi di euro, contro i 18,8 miliardi dello scorso anno. Il settore dei giochi negli ultimi dieci anni ha contribuito in maniera importante alla raccolta erariale, portando nelle casse statali oltre 91 miliardi di euro e negli ultimi quattro anni (2016-2019) ha costantemente superato i 10 miliardi di contribuzione all’anno.
Nel 2019 la spesa nelle scommesse sportive – le giocate al netto delle vincite pagate, che sono state pari a 10,89 miliardi – ha sfiorato il valore di 1,6 miliardi di euro (1.591 milioni per l’esattezza), un dato in crescita del 7,4% rispetto ai 1.481 milioni dell’anno precedente. Buona parte di questo risultato si deve a quanto è stato incassato nel mese di dicembre, che ha fatto segnare una crescita addirittura del +123%. Di fatto la spesa nell’ultimo mese dell’anno, rispetto al 2018 quando fu pari a 96,4 milioni, è più che raddoppiata, avendo toccato i 215 milioni di euro, miglior risultato in assoluto nel 2019.

apiù gas e luce

Post correlati