Ice a Londra, intelligenza artificiale e gaming: BetBuddy presenta un software per la tutela dei giocatori

Pubblicato il 1 Feb 2019

Slide

rriva il software che valuta il livello di rischio dei giocatori, analizzando e incrociando migliaia di dati sulle abitudini di ciascun utente. Lo ha realizzato BetBuddy, società del gruppo Playtech che da anni investe nello sviluppo dei sistemi per combattere – sia nel retail sia online – il “problem gambling”: il prodotto sarà presto portato in Italia da Snaitech. La frequenza delle giocate, il numero e la frequenza dei depositi di denaro, il tempo di esposizione degli utenti, l’ammontare delle giocate sono solo alcuni esempi della lunghissima lista di comportamenti che possono portare ad un possibile rischio. Il software è stato sviluppato sulla piattaforma di gestione di Playtech e consente a ciascun operatore di tenere sotto controllo ogni possibile eccesso da parte dei giocatori, avvisandoli – attraverso un mirato sistema di messaggistica – che stanno esagerando e che occorrerebbe fissare un limite, prendersi una pausa o smettere di giocare e chiedere aiuto al personale incaricato dal concessionario.  “Betbuddy può essere uno strumento fondamentale per centrare  – e più spesso superare – gli obiettivi di tutela del consumatore fissati dai regolatori in giro per l’Europa”, ha detto Simo Dragicevic, Ceo di BetBuddy, durante la presentazione del prodotto. La soluzione BetBuddy consente agli operatori, attraverso una continua analisi dei dati, di interagire con i player e tutelarli, insomma, anticipando i possibili problemi di gioco patologico. “L’obiettivo di tutti – ha concluso Dragicevic ad Agipronews – è mantenere l’esperienza di gioco nell’ambito dell’intrattenimento, proteggendo gli utenti da qualunque potenziale rischio”

apiù gas e luce

Post correlati